C'è un grande prato verde

C’è un grande prato verde dove nascono speranze…


Così cantava Morandi nel 1967.


Il 22 Ottobre 2020 potremmo ricanticchiare questa melodia con parole diverse, ad esempio c’è un grande prato verde, dove gettano rifiuti….


Ecco in poche parole la situazione del prato circostante l’area cani di Via Sauro, angolo via Marconi, in cui stamattina con sorpresa non abbiamo trovato deiezioni, ma: un vaso di fiori, un oggetto di non ben definita natura, forse un portatovaglioli, un collo di bottiglia, plastica, cartacce, pacchetti di sigarette vuoti…


Poi percorrendo la via verso viale Matteotti ci siamo imbattute praticamente in un modello di pulizia e di civiltà, con ben poco da eccepire, salvo i soliti mozziconi (pochi, pochissimi) lasciati dai soliti maleducati. Ma la favola più ci si avvicina a Viale Matteotti più diventa di nuovo una sporca realtà. Intorno alla prima aiuola (l’altra si trova proprio all’incrocio con il Viale) e, cosa ancora più demoralizzante e avvilente, con un bel cestino proprio lì (un po’ pieno a onor del vero, forse troppo) abbiamo raccolto manciate e manciate di mozziconi, che peraltro non mancano anche tutto intorno per terra.


Insomma, per riassumere: via Nazario Sauro è divisa in due. La parte centrale vale un 8 pieno. Le estremità, dove ci si avvicina alle vie di maggiore traffico e affluenza di pedoni, purtroppo il voto crolla. E un bel 3 non glielo leva nessuno. Ma guardiamo il lato positivo: c’è un bellissimo, ampio margine di miglioramento. E allora, avanti tutta!